itenfrderorues

L’orgoglio dell’ingegneria navale tedesca è un disastro completo

wsj logoLa Marina blocca una commessa da 3 miliardi per una nuova grande fregata dopo il fallimento del collaudo in mare. Per gli esperti è un fiasco sia nella concezione che nell’esecuzione

fregata tedesca 610235La Marina tedesca nel 2005 aveva concepito l’idea di una nave da guerra che potesse traghettare i marines in combattimento in qualsiasi parte del mondo, contrastare le navi nemiche, rimanere lontana dai porti di casa per due anni, e il tutto con un equipaggio che fosse la metà di quello del modello precedente.

Consegnata inizialmente per le prove in mare nel 2016 dopo una serie di ritardi, la fregata Baden-Württemberg, da 7.000 tonnellate, il mese scorso ha scoperto di avere un difetto di progettazione inaspettato: non funziona per niente.

Gli esperti della Difesa sostengono che la nave ha software pieno di bug e un arsenale mal concepito, sintomi di problemi più profondi e più difficili da risolvere: la riduzione dell’abilità e competenza militare e la crescente confusione dei leader tedeschi sul ruolo delle forze armate del paese.

Una litania di progetti infrastrutturali pasticciati ha finito per guastare la reputazione delle capacità ingegneristiche tedesche. Non esiste ancora una data di apertura per il nuovo aeroporto di Berlino da 6 miliardi di euro, in ritardo di dieci anni rispetto al previsto e la riprogettazione della stazione ferroviaria di Stoccarda rimane bloccata più di un decennio dopo l'inizio dei lavori. Per gli osservatori, alla base di questi inconvenienti c’è cattiva pianificazione e gestione dei progetti, gli stessi elementi che hanno anche causato una grave battuta d' arresto su diversi grandi progetti militari.

Ma gli esperti sostengono che gli sforzi militari sono stati ostacolati anche dalla mancanza di una visione strategica riguardante le forze armate tedesche, che si è tradotta in linee d’azione vaghe e difficili da portare a termine. Prima che il progetto della fregata naufragasse, ad essere colpito da numerosi intoppi è stato un contratto per la costruzione di un nuovo elicottero; inoltre i costi di un nuovo fucile sono saliti alle stelle e un ambizioso progetto di droni non è mai riuscito a decollare.

L' approvvigionamento militare tedesco è "un infernale completo disastro", ha detto Christian Mölling, esperto di difesa del Consiglio tedesco sulle relazioni internazionali di Berlino, “Ci vorranno anni per risolvere questo problema ".

Il fiasco navale, basato su un progetto da 3 miliardi di euro, è particolarmente sorprendente in quanto il più grande esportatore europeo si affida a rotte marittime aperte e sicure per il trasporto delle proprie merci.

Il programma di costruzione delle fregate F-125 riguardava le quattro più grandi navi militari tedesche del dopoguerra, dotate di software all' avanguardia che consentissero un'elevata operabilità con un equipaggio ridotto all’osso.

Ma dopo aver fallito le prove in mare il mese scorso, i capi della Marina hanno bloccato la commessa, sostenendo che il sistema centrale di computer del Baden-Württemberg, il nucleo centrale di progettazione che gli permette di navigare con un ridotto equipaggio, non ha superato i test necessari. Il Kieler Nachrichten, quotidiano di Kiel, sede della flotta tedesca del Baltico, ha segnalato l’esistenza di problemi con il radar, l’elettronica e il rivestimento antideflagrante dei serbatoi di carburante. Si è scoperto anche che la nave tendeva troppo a dritta, un difetto che il portavoce del progetto sostiene sia stato poi corretto. Il Baden-Württemberg è ora destinato a tornare in porto la prossima settimana per un "periodo prolungato", ha reso noto la Marina.

Un portavoce della Thyssenkrupp , società capofila del progetto, ha dichiarato che intende confermare la consegna della nave per quest' anno. “La fregata classe 125 è una nave di nuova concezione e tecnicamente sofisticata, con nuovi sviluppi altamente complessi, comprese le nuove tecnologie", ha dichiarato il portavoce, “i ritardi non possono mai essere completamente esclusi ".

Un portavoce dell'ufficio per gli approvvigionamenti militari ha detto che sono allo studio sanzioni pecuniarie da imporre alla Thyssenkrupp  per la consegna tardiva, ma ha rifiutato di fornire ulteriori dettagli.

Anche se la nave può essere riparata, alcuni esperti navali temono che farebbe fatica a difendersi da gruppi terroristici dotati di missili antinave. E di fronte all’aumento della presenza navale russa nel Mar Baltico, la nave difetta dei sonar e dei tubi siluro del suo predecessore, il che la rende un'anatra seduta per i sottomarini. Tali carenze sarebbero dovute anche alla mancanza di un mandato definito dei vertici della Marina sulla nave. Quando iniziò la sua pianificazione nel 2003, l’ammiragliato voleva un vascello tuttofare, che potesse disimpegnarsi con i cacciatorpediniere russi nel Baltico e fungere da base per missioni umanitarie nelle acque tropicali. Poi, nel 2005, si decise che la nave non aveva bisogno di tutte le armi pesanti del modello precedente e che occorreva concentrarsi maggiormente sull' attacco ai nemici a terra, anche traghettando marines in combattimento. Data la posizione aggressiva della Russia nel Mar Baltico, gli esperti navali affermano che quello sembra essere stato un errore di calcolo. Il grande peso della nave, già quasi il doppio di quello della fregata precedente, rende difficile l’aggiunta di ulteriori armi.

Questi problemi derivano dal fatto che la Germania non ha una visione strategica per i suoi militari", ha dichiarato Ronja Kempin, esperta di difesa presso l’Istituto tedesco per gli affari internazionali e della sicurezza di Berlino.

Gli esperti interpellati sostengono che il fiasco della fregata mostra anche la Marina, gli ingegneri militari tedeschi e l’ufficio di approvvigionamento della Difesa, dopo anni senza grandi progetti da gestire, hanno perso l'esperienza necessaria per portarne di nuovi a compimento. “Troppo complicato, troppo ambizioso, troppo mal gestito" : descrive così il progetto della fregata Marcel Dickow, esperto di fornitura di armamenti presso l’Istituto tedesco per gli affari internazionali e la sicurezza di Berlino, “Hanno gettato denaro per un progetto senza pensarlo bene prima ".

Il portavoce dell’ufficio per gli approvvigionamenti militari tedesco ha affermato che il progetto navale rappresenta una "sfida enorme" per gli appaltatori, e che le sue specifiche progettuali erano "inequivocabili e precise". Ha aggiunto che i contraenti devono risolvere i problemi in sospeso: “La Marina non prenderà il controllo della nave fino a quando tutti i collaudi non saranno stati completati con successo".

La spesa militare tedesca è in rapido aumento per soddisfare l’impegno concordato con la Nato di impiegare il 2% del prodotto interno lordo. Il budget della difesa dovrebbe salire a 38,5 miliardi di euro nel 2018 da 37 miliardi nel 2017 e 35,1 miliardi nel 2016.

Ma questa crescita segue anni di austerity fiscale che hanno deteriorato la capacità del governo di gestire ambiziosi progetti militari. E mentre aziende tedesche come Heckler & Koch e Rheinmetall restano leader di mercato nei fucili, nei carri armati e negli obici, la competenza in sistemi più grandi e complessi si è erosa durante gli anni di magra. “C’è un’intera generazione di ingegneri tedeschi che non ha mai lavorato a un grande progetto di difesa ", ha dichiarato Mölling, “Non è che abbiano perso questa abilità; non l'hanno mai imparata ". I laureati in Ingegneria snobbano le offerte dei produttori di armi a favore di datori di lavoro più sexy, come il conglomerato Siemens  o la casa automobilistica BMW , che offrono migliori retribuzioni e prospettive di carriera, sostiene Mölling. Le aziende della difesa non sono riuscite ad attrarre neanche i laureati necessari per sviluppare nuovi sistemi sofisticati e sempre più incentrati sul software, ha dichiarato Sandro Gaycken, direttore della Scuola Europea di Management and Technology di Berlino.

La Germania avrebbe potuto acquistare navi da guerra da Stati Uniti, Regno Unito o dai cantieri navali francesi, ma il governo aveva scelto offerenti tedeschi per sostenere l’occupazione presso i cantieri domestici, ha precisato la Kempin. Lothar Dannenberg, ingegnere navale di Kiel, che non è stato coinvolto direttamente nel progetto della fregata, sostiene che i fallimenti sono in gran parte dovuti dall' incompetenza dell’ufficio acquisti. “Gli ingegneri venivano lasciati nell’incertezza”.

FONTE: Logo Milanofinanza

Tags: News Marina Militare,, Marina tedesca, Disastro completo

Stampa

FacebookTwitterRSS FeedPinterest Pin It

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.