itenfrderorues

Un doveroso omaggio al mio mentore e amico Antonio Copiello

Sento il dovere di pubblicare un articolo/ omaggio a "Tonicopi" pubblicato nel sito Magazine di Joomla. A lui debbo tutto ed è giusto che tutti lo sappiano. Grazie ancora amico Toni.

May Tribute

Per primo l'articolo originale in inglese e di segiito la traduzione in italiano scusandomi fin da subito per evntuali errori

Tonicopi, a friend.

On January 7 we gathered in the square in Dueville, Vicenza, to say goodbye to you

You had left four days before and it still seemed impossible to all of us. As we traveled through Dueville we couldn't imagine that you wouldn't be there anymore.

A few months of illness, more fierce in the last days, and yet you didn't miss the Joomla! Veneto online meetings, not even the last one in December. But that wasn't the reason why it seemed impossible that we wouldn't have seen you again, there was something else, that we sensed in the messages we exchanged on telegram ("But it's not possible!"), in the incredulous phone calls, and now in the looks we exchanged among the people who, like us, came here in Dueville to say a last goodbye. Many people, so many people. We looked at each other, amazed and a bit intimidated.

Under the large porticos of the Town Hall they had set up a funeral chamber, your coffin surrounded by hundreds of people. The first few rows were occupied by a few dozen chairs, but behind, with us, were most of the people who filled the entire square, right up to under the large cedars that held an afternoon sun that was beating down, despite January. So it's really true, we thought. Tonicopi is gone. Yet in that square filled with people, the whole time we were there, we discovered that this was not the case, or at least not entirely. I try to explain. We discovered a Tonicopi we didn't know.

Who didn't know Toni in the Joomla world? Since 2007 (Joomla 1.0), practically since the birth of the CMS, Tonicopi has animated the Forum of joomla.it with (I checked) 12,790 posts. He has published 96 tutorials to help joomlists. He created a delightful and very popular blog (http://www.joomlacsszengarden.com/) dedicated to the Joomla! universe and its extensions.

Everybody knew Tonicopi in the Joomla! world, maybe just for having read one of his posts, been helped by one of his very useful tutorials, if not for having talked with him... Yet here in Dueville, we found ourselves looking in amazement at the long line of people patiently waiting their turn to tell us something about Toni and probably most of these people didn't even know what a CMS was. They were colleagues from work, from the union, from the political group in which he had been a member, members of the voluntary associations to which Toni had contributed, friends, acquaintances, a very long line, each with his own story, but above all with a debt towards Toni for something he had received from him. A support, a good word, an advice, a concrete help, and much more. And so it is that while we were waiting for Giovanni Genovino to come and take the microphone to say hello to Toni on behalf of Joomla, we listened to all these people tell us something about him.

We discovered many things about Toni that we didn't know and that he had never told us. Yet we recognized him in all these stories. He was a concrete, intelligent, curious and capable person, so curious and so capable that he couldn't do just one activity. Here in the Veneto we say "profession". That's it: one "job" was not enough for Toni. Imagine that for someone who wrote about his work in this way: "I used to be a State Railroad Engineer by trade (Trenitalia they call themselves now). But it was really never a profession for me. It was more of a hobby. I dreamed of doing it as a child, when I played with toy trains.... And that's exactly what I did. Unbelievable. And they paid me too!!!" The "job", which from "Passionate" in 2007 had seen him become in a short time a great "Expert in Joomla!" had transformed him into a solid point of reference for joomlisti not only Venetian but throughout Italy. A reference point because he was competent, very competent. Because the problems, the bugs, for him were not a nuisance but a stimulus to find solutions, perhaps alternative and that no one had ever thought of.

But beyond his undoubted skills and his inexhaustible curiosity that always brought him one step ahead of the others (but always without showing it, without emphasizing it: with a great humility and lightness) there was also another element that distinguished him. An Open Source CMS such as Joomla! and its large community, gave Toni the opportunity to meet and know many people, hang out with them, discover together new ways and paths and give a hand to those who were in difficulty, indirectly, by writing tutorials well done and effective, or directly responding to requests for help in the forum but also via email, by phone or even in his "wonderful office", in the Tagliaferro bakery in Dueville that hosted him during the week. In the couch of the pastry shop he made friends and "customers" sit down, offering coffee and delicious pastries. The pleasure of a welcoming place, where you could taste delicacies for the palate and where to converse pleasantly, even about work and technical things, surrounded by nice and equally welcoming people.

Yes, because Toni liked people. Of course Toni adored the female universe "my women" he affectionately called all the friends he had earned in many Italian cities with his sympathy and his irony, even if in first place there were his "angel", his wife Mirella, and his grandchildren, of whom he was very proud), but Toni liked above all "people", he liked to be among people.

So if I have to think of a concrete person who embodied the very idea of Open Source, of open and free software, and who practiced this collaborative idea always, even in his everyday life and in all his other activities, this person is Tonicopi.

Dear Toni, a great passion of yours was walking in the mountains. And this is how we will remember you: a friend who knew how to guide us through the most difficult and impervious paths, and who, after having tested the tightness of the rock, would stretch out his hand to let us pass. Thank you Tonicopi, Antonio Copiello, wherever you are.

 Andrea Mattarollo

 

Tonicopi, un amico.

Il 7 gennaio ci siamo ritrovati in piazza a Dueville, Vicenza, per salutarti

Eri partito quattro giorni prima e sembrava ancora impossibile a tutti noi. Mentre viaggiavamo per Dueville non potevamo immaginare che tu non saresti più lì.

Qualche mese di malattia, più agguerrita negli ultimi giorni, eppure non ti sei perso il Joomla! Incontri online del Veneto, nemmeno l'ultimo di dicembre. Ma non era quello il motivo per cui sembrava impossibile che non ti avessimo più rivisto, c'era qualcos'altro, che abbiamo intuito nei messaggi che ci siamo scambiati su Telegram  ("Ma non è possibile!"), nel telefono incredulo chiamate, e ora negli sguardi ci siamo scambiati tra le persone che, come noi, sono venute qui a Dueville per salutarci. Tante persone, tante persone. Ci siamo guardati, stupiti e un po' intimiditi.

Sotto i grandi portici del Municipio avevano allestito una camera funeraria, la tua bara circondata da centinaia di persone. Le prime file erano occupate da qualche decina di sedie, ma dietro, con noi, c'era la maggior parte delle persone che riempivano l'intera piazza, fino a sotto i grandi cedri che reggevano un sole pomeridiano che picchiava, nonostante gennaio. Quindi è proprio vero, abbiamo pensato. Tonicopi non c'è più. Eppure in quella piazza piena di gente, per tutto il tempo che siamo stati lì, abbiamo scoperto che non era così, o almeno non del tutto. provo a spiegare. Abbiamo scoperto un Tonicopi che non conoscevamo.

Chi non conosceva Toni nel mondo Joomla? Dal 2007 (Joomla 1.0), praticamente dalla nascita del CMS, Tonicopi ha animato il Forum di joomla.it con (ho controllato) 12.790 post. Ha pubblicato 96 tutorial per aiutare i joomlist. Ha creato un blog delizioso e molto popolare (http://www.joomlacsszengarden.com/) dedicato al Joomla! universo e le sue estensioni.

Tutti conoscevano Tonicopi nel Joomla! mondo, magari solo per aver letto un suo post, aiutati da uno dei suoi utilissimi tutorial, se non per aver parlato con lui... Eppure qui a Dueville ci siamo ritrovati a guardare con stupore la lunga fila di persone aspettando il loro turno per dirci qualcosa su Toni e probabilmente la maggior parte di queste persone non sapeva nemmeno cosa fosse un CMS. Erano colleghi del lavoro, del sindacato, del gruppo politico in cui aveva fatto parte, membri delle associazioni di volontariato a cui Toni aveva contribuito, amici, conoscenti, una fila lunghissima, ognuno con la sua storia, ma soprattutto tutti con un debito verso Toni per qualcosa che aveva ricevuto da lui. Un supporto, una buona parola, un consiglio, un aiuto concreto e molto altro ancora. Ed è così che mentre aspettavamo che Giovanni Genovino venisse a prendere il microfono per salutare Toni a nome di Joomla, abbiamo ascoltato tutte queste persone raccontarci qualcosa di lui.

Abbiamo scoperto molte cose su Toni che non sapevamo e che non ci aveva mai raccontato. Eppure lo abbiamo riconosciuto in tutte queste storie. Era una persona concreta, intelligente, curiosa e capace, così curiosa e così capace da non poter fare una sola attività. Qui in Veneto si dice "professione". Ecco fatto: a Toni non bastava un "lavoro". Immaginate che per qualcuno che ha scritto del suo lavoro in questo modo: "Sono stato un Ingegnere delle Ferrovie dello Stato di professione (trenitalia si chiamano ora). Ma per me non è mai stata davvero una professione. Era più un hobby. Io sognavo di farlo da bambino, quando giocavo con i trenini... Ed è proprio quello che ho fatto. Incredibile. E hanno pagato anche me!!!" Il "lavoro", che da "Appassionato" nel 2007 lo aveva visto diventare in breve tempo un grande "Esperto in Joomla!" lo aveva trasformato in un solido punto di riferimento per i joomlisti non solo veneti ma di tutta Italia. Un punto di riferimento perché competente, molto competente. Perché i problemi, i bug, per lui non erano un fastidio ma uno stimolo a trovare soluzioni, magari alternative e a cui nessuno aveva mai pensato.

Ma al di là delle sue indubbie capacità e della sua inesauribile curiosità che lo portavano sempre un passo avanti agli altri (ma sempre senza mostrarlo, senza enfatizzarlo: con una grande umiltà e leggerezza) c'era anche un altro elemento che lo distingueva. Un CMS Open Source come Joomla! e la sua grande comunità, ha dato a Toni l'opportunità di conoscere e conoscere tante persone, uscire con loro, scoprire insieme nuove strade e percorsi e dare una mano a chi era in difficoltà, indirettamente, scrivendo tutorial  ben fatti ed efficaci, o direttamente rispondendo alle richieste di aiuto nel forum ma anche via mail, telefonicamente o anche nel suo "stupefacente ufficio", nel panificio Tagliaferro di Dueville che lo ha ospitato durante la settimana. Nel divano della pasticceria ha fatto accomodare amici e "clienti", offrendo caffè e buonissimi pasticcini. Il piacere di un luogo accogliente, dove assaporare prelibatezze per il palato e dove conversare piacevolmente, anche di lavoro e cose tecniche, circondati da persone simpatiche e altrettanto accoglienti.

Sì, perché a Toni piacevano le persone. Certo Toni adorava l'universo femminile "le mie donne" chiamava affettuosamente tutti gli amici che si era guadagnato in tante città italiane con la sua simpatia e la sua ironia, anche se al primo posto c'erano il suo "angelo", sua moglie Mirella, e la sua nipoti, di cui andava molto orgoglioso), ma a Toni piaceva soprattutto la "gente", gli piaceva stare tra la gente.

Quindi se devo pensare a una persona concreta che ha incarnato l'idea stessa di Open Source, di software aperto e libero, e che ha praticato questa idea collaborativa da sempre, anche nella vita di tutti i giorni e in tutte le altre sue attività, questa persona è Tonicopi.

Caro Toni, una tua grande passione era camminare in montagna. Ed è così che ci ricorderemo di te: un amico che ha saputo guidarci attraverso i sentieri più difficili e impervi, e che, dopo aver provato la tenuta della roccia, tendeva la mano per farci passare. Grazie Tonicopi, Antonio Copiello, ovunque tu sia.

 Andrea Mattarollo

Da parte mia non posso fare altro che confermare in toto quello che ha dichiarato l'amico Andrea Mattarollo, aggiungendo che io sono uno di quelli che lo ha contattato per un  problemino agli inizi della "carriera" e che sin da subito ha trovato in lui un amico carissimo, quasi un fratello. 

Giancarlo

Io Viso

Grazie ancora Toni, mi manchi!

e-max.it: your social media marketing partner

Un doveroso omaggio al mio mentore e amico Antonio Copiello

  • Visite: 82

Ti piace l'articolo? Condividilo

Facebook TwitterPinterest
Il mare nel cuore

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Non arrenderti mai amico mio, impare a cercare sempre il sole, anche quando sembra che venga la  tempesta ... e lotta!

Mi trovate anche nei Social

Disclaimer

Si dichiara, ai sensi della legge del 7 Marzo 2001 n. 62 che questo sito non rientra nella categoria di "Informazione periodica" in quanto viene aggiornato ad intervalli non regolari.
Web master: Giancarlo Montin
Le immagini dei collaboratori detentori del Copyright © sono riproducibili solo dietro specifica autorizzazione.
Il contenuto del sito, comprensivo di testi e immagini, eccetto dove espressamente specificato, è protetto da Copyright © e non può essere riprodotto e diffuso tramite nessun mezzo elettronico o cartaceo senza esplicita autorizzazione scritta da parte dello staff di ”Il Mare nel cuore”
Chi vuole può contribuire al miglioramento del sito, inviando foto o video all’amministratore, accompagnato dalle liberatorie e/o autorizzazioni scritte dei relativi proprietari del copyright.
L’eventuale pubblicazione è a discrezione del proprietario del sito. Il materiale cartaceo non verrà restituito.
Copyright © All Right Reserve

In classifica

sito

Torna alla Home

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.