Dizionario marinaresco: i “gatti di bordo”

Una curiosità dal sito Ocean4future 

GATTI 640px Sailors surround the ships cat Convoy asleep in a miniature hammock on board HMS HERMIONE Gibraltar 26 November 1941. A6410

Oggi torniamo a guardare attraverso il sapiente oblò di Capitan Bitta, alla scoperta di nuovi termini marinareschi, partendo dai … gatti. Buona lettura.

simon cat on board

Uno dei più celebri gatti di marina, Simon

I gatti, nell’antichità, erano ritenuti animali magici e numerose leggende e superstizioni erano diffuse tra i marinai; considerati animali intelligenti e porta fortuna erano oggetto di cure e attenzioni da parte degli equipaggi (se non altro perché mangiavano i topi). Si riteneva che i gatti avessero poteri miracolosi nel proteggere le navi dalle intemperie per cui le mogli dei pescatori, a volte, tenevano in casa anche dei gatti neri, nella speranza che sarebbero stati in grado di usare la loro influenza per proteggere i loro mariti in mare. A bordo, si credeva che fosse un evento fortunato se un gatto si avvicinava a un marinaio sul ponte, ma un presagio negativo se arrivava solo a metà strada e poi tornava indietro. Un’altra credenza popolare era che i gatti potessero scatenare tempeste attraverso la magia immagazzinata nelle loro code. Se un gatto di una nave cadeva o veniva gettato in mare, si pensava che avrebbe evocato una tempesta tale da fare affondare la nave e, ammesso fosse riuscita a salvarsi, sarebbe stata maledetta con nove anni di sventure. Inoltre, se un gatto si leccava la pelliccia contropelo, significava che stava arrivando una tempesta di grandine, se starnutiva significava pioggia e se era “vivace” significava vento.

GATTO Calico cat 1

Di fatto alcune di queste credenze hanno un fondamento di verità perché i felini sono in grado di percepire lievi cambiamenti meteorologici grazie al loro orecchio interno che è molto sensibile e gli permette di … cadere sempre in piedi. Inoltre, l’abbassamento della pressione atmosferica, che di solito anticipa l’arrivo di un tempo burrascoso, spesso rende i gatti nervosi e irrequieti. Superstizioni e credenze che sono cosmopolite: i marinai giapponesi ritengono che il calico, (vedi foto in alto),  un gatto di una specie particolare di tre colori (みけねこmike-neko), salendo sull’albero maestro della nave, possa tenere lontani gli spettri dei naufraghi.

CURIOSITÀ
Alcuni marinai ritenevano che il gatto polidattile (dotato di un numero di dita superiore al normale a causa di un’anomalia congenita) fosse più adatto per catturare animali nocivi, convinti del fatto che tali gatti, avendo più dita, avessero più equilibrio sulle imbarcazioni e in alcune parti del mondo i gatti polidattili sono anche chiamati “gatti di bordo”.

PERSONAGGI HEMINGWAY 640px Ernest Hemingway with cat 1954

Hemingway, un grande marinaio, nella sua casa di Key West
(Florida) aveva una colonia felina di soli gatti polidattili
che, tra l’altro, gli è sopravvissuta e viene mantenuta con
una rendita a vita. Quando si dice nascere fortunati.

Terminologia marinaresca

Ma, a parte questi simpatici felini, nell’area prodiera del ponte di coperta, troviamo un’altra “gatta”. Di cosa si tratta? È una struttura (una mastra) posta trasversalmente affinché l’acqua, che può penetrare dagli occhi di cubia, non possa scorrere all’interno dell’imbarcazione ma fuoriesca da due ombrinali (fori laterali) posti subito prima di essa. La parola GATTA deriva dal francese gatte e, a sua volta, dal latino gabătascodella. È detto anche LAVARELLO definito dal Guglielmotti (1889) come… “Specie di chiudenda a prua, innanzi agli occhi delle cubìe, perché non si spanda l’acqua degli ormeggi nel salpare, o de’ marosi nel navigare“.

giannetti gatta 911x1024

 

Esistevano anche le TESTE DI GATTO (o GRU DI CAPONE), delle robuste travi di legno che anticamente erano posizionate sulle due fiancate della prua di una nave. Venivano utilizzate per sostenere l’ancora quando veniva calata o sollevata per riportarla nel suo alloggiamento una volta sospesa al di fuori della nave. Lo scopo era quello di fornire una trave abbastanza pesante per sostenere il peso dell’ancora e, allo stesso tempo, di tenere l’ancora lontana dalle murate di legno per evitare danni.

giannetti testa di gatto 1024x785

 

Vi domanderete perché questo nome? In passato l’estremità sporgente di questa trave era scolpita per assomigliare al volto di un gatto (o di un leone), da qui il nome inglese cathead.
Buon vento a tutti e arrivederci a presto.

Paolo Giannetti

in anteprima, un gruppo di marinai circonda il gatto di bordo “Convoy” mentre dorme su un’amaca in miniatura a bordo della HMS HERMIONE –  Autore fotografo ufficiale della Royal Navy, Beadell, SJ File:Sailors surround the ship’s cat “Convoy” asleep in a miniature hammock on board HMS HERMIONE, Gibraltar, 26 November 1941. A6410.jpg – Wikimedia Commons

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

Entrato in Accademia nel 1977 (Corso SAOREN) ha prestato servizio e comandato numerose unità navali, specializzandosi nel tempo in Idrografia (Idrographic Surveyor di categoria “A” ) e Oceanografia con un Master presso la Naval Postgraduate School di Monterey, California. Appassionato divulgatore ha creato Capitan Bitta, detto il “Gianbibbiena, un personaggio immaginario che racconta con brevi scritti curiosità di nautica, meteorologia e astronomia

FONTE: OCEAN4FUTURE

Lo sapevate che, Ocean4future, Dizionario marinaresco: i “gatti di bordo”

  • Visite: 137

Ti piace l'articolo? Condividilo

Facebook Twitter

Non arrenderti mai amico mio, impare a cercare sempre il sole, anche quando sembra che venga la  tempesta ... e lotta!

Mi trovate anche nei Social

Disclaimer

Si dichiara, ai sensi della legge del 7 Marzo 2001 n. 62 che questo sito non rientra nella categoria di "Informazione periodica" in quanto viene aggiornato ad intervalli non regolari. Le immagini dei collaboratori detentori del Copyright © sono riproducibili solo dietro specifica autorizzazione. Il contenuto del sito, comprensivo di testi e immagini, eccetto dove espressamente specificato, è protetto da Copyright © e non può essere riprodotto e diffuso tramite nessun mezzo elettronico o cartaceo senza esplicita autorizzazione scritta da parte dello staff di ”Il Mare nel cuore”
Copyright © All Right Reserve

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.