Taranto, un campus con le stellette per quattro corsi di laurea

Il polo didattico di Mariscuola a San Vito amplia l’offerta formativa. Università di Bari e Politecnico dietro i cancelli di Mariscuola

bronzini a taranto 1697114903734.jpg taranto un campus con le stellette per quattro corsi di laurea

maristella massari

MARISTELLA MASSARI

TARANTO - Quattro corsi di laurea realizzati in collaborazione con l’Università degli studi di Bari «Aldo Moro» e con il Politecnico di Bari, destinati ai futuri marescialli della Marina Militarema aperti anche agli studenti civili che ne facciano domanda. Oggi la Scuola Sottufficiali di Taranto (Mariscuola) si presenta come un moderno campus universitario con larghi viali e palazzine e infrastrutture immerse nel verde e consolida ancora di più l’offerta formativa, confermandosi come uno dei poli didattici più avanzati non solo della Marina. Da qualche anno i viali della Scuola militare, a San Vito fin dal 1949, accolgono ragazze e ragazzi tarantini iscritti ai corsi di laurea di Mariscuola. In attesa dell’inaugurazione dell’anno accademico 23/24, le lezioni qui sono già partite. Gomito a gomito, sotto la grande bandiera tricolore, studenti in uniforme e civili ogni giorno si scambiano esperienze, appunti e stringono legami di amicizia. Tra di loro si respira aria di grande complicità.

Uniba quest’anno propone 3 corsi: Scienze e gestione delle attività marittime, il primo ad essere attivato a Mariscuola, Infermieristica e Informatica e Comunicazione digitale. Il Politecnico di Bari, invece, sempre da quest’anno offre anche il corso in Ingegneria industriale dei sistemi navali. C’è spazio per accogliere tutti. Del resto Mariscuola si estende su un’area di 32 ettari, dove si trovano 41 edifici, 80.000 mq. di aree verdi, 240.000 mq. tra viali, i piazzali e altre aree disponibili. Oltre 57.000 mq. sono occupati dagli edifici per le sistemazioni didattiche, con 66 aule, 34 laboratori attrezzati e ora anche multimediali, un’aula magna da 534 posti. Circa 52.000 mq sono occupati da edifici ospitanti le sistemazioni logistiche e tecniche, tra cui alloggi, mense, uffici, infrastrutture sportive, sale ricreative e sale tv, l’infermeria, la biblioteca, diverse officine, una centrale elettrica, un depuratore, quanto basta, insomma, per far funzionare una «piccola città» che accoglie circa 2.000 persone.

La Marina ha deciso di investire sul polo didattico di San Vito, come spiega alla «Gazzetta» il contrammiraglio Francesco Milazzo, comandante di Mariscuola Taranto. «Questa scuola forma il 65% del personale in Marina. Qui oggi abbiamo investimenti di ammodernamento e rinnovamento rivolti essenzialmente alle strutture didattiche, ma puntiamo anche sulla parte sportiva. Auspicabilmente nel 2026 qui nascerà anche un nuovo palazzetto dello sport, oltre al campo scuola che già esiste e che sarà ristrutturato. Stiamo investendo anche nelle strutture abitative che ospitano sia gli allievi, sia il personale del quadro permanente. Sono investimenti importanti che si vanno a sommare a quelli che noi chiamiamo investimenti di esercizio, ovvero i fondi che la Marina investe ogni anno per mantenere la funzionalità delle strutture già esistenti di questo che possiamo definire un vero e proprio campus universitario. Aver aperto i corsi anche agli studenti civili è un valore aggiunto per la città. Ora, si tratta di corsi anche appetibili per il mondo del lavoro. Noi così speriamo di aumentare progressivamente anche il numero di ragazzi che frequentano l’università presso di noi, perché è davvero un valore aggiunto per i nostri ragazzi in uniforme avere compagni di classe che insieme a loro frequentano ma vivono nel mondo civile. Consente di mantenere di mantenere il contatto con la realtà esterna e proprio questa commistione è un fattore molto positivo».

«I i numeri che mettiamo a disposizione della della cittadinanza sono numeri importanti per ogni corso. Nel panorama della richiesta per una città come Taranto ritengo che siano sufficienti. È chiaro che se dovessero venire ragazzi anche da fuori Taranto, noi saremmo ben contenti».

«Ma ricordiamo - spiega ancora l’ammiraglio Milazzo -, che accanto a questa attività del polo didattico-universitario parallelamente corre sempre l’attività che definirei d’istituto di Mariscuola. Al momento qui abbiamo circa 450 allievi marescialli dei corsi normali. Loro sono la futura classe direttiva intermedia della Marina. Quando usciranno da questa scuola andranno a bordo a ricoprire già posizioni di responsabilità. Ma qui noi formiamo anche la gran parte dei Volontari in ferma iniziale, la nuova frontiera dei Volontari di truppa per tutte le forze armate che vengono da noi reclutati a Taranto presso la caserma Castrogiovanni dove abbiamo la nostra Direzione di selezione. La Marina l’anno prossimo ne recluterà 1800 a fronte dei 1500 di quest’anno. Sono numeri in aumento e anche questa è un’attività molto impegnativa perché il processo di selezione comporta la selezione dal punto di vista attitudinale, psicotecnico e fisico: quindi visite mediche e esecuzione delle prove fisiche. Un lavoro - conclude il comandante di Mariscuola -, davvero impegnativo».

FONTE:LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO/TARANTO

Ti piace l'articolo? Condividilo

Facebook Twitter

Non arrenderti mai amico mio, impare a cercare sempre il sole, anche quando sembra che venga la  tempesta ... e lotta!

Mi trovate anche nei Social

Disclaimer

Si dichiara, ai sensi della legge del 7 Marzo 2001 n. 62 che questo sito non rientra nella categoria di "Informazione periodica" in quanto viene aggiornato ad intervalli non regolari. Le immagini dei collaboratori detentori del Copyright © sono riproducibili solo dietro specifica autorizzazione. Il contenuto del sito, comprensivo di testi e immagini, eccetto dove espressamente specificato, è protetto da Copyright © e non può essere riprodotto e diffuso tramite nessun mezzo elettronico o cartaceo senza esplicita autorizzazione scritta da parte dello staff di ”Il Mare nel cuore”
Copyright © All Right Reserve

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.