Israele ordina a Thyssenkrupp Marine Systems tre nuovi sottomarini

Thyssenkrupp Marine Systems ha raggiunto un accordo con il Ministero della Difesa israeliano sulle condizioni quadro per l’acquisto di tre sottomarini di classe Dakar. Dopo lunghe trattative, giovedì tutte le parti coinvolte hanno concordato il contenuto tecnico e le disposizioni contrattuali.

rendering dakar klasse 1024x724

 

di AURELIO GIANSIRACUSA

Il dott. Rolf Wirtz, CEO di Thyssenkrupp Marine Systems: Noi, come Thyssenkrupp Marine Systems e tedeschi, siamo onorati e orgogliosi di continuare la lunga collaborazione, durata decenni, con il Ministero della Difesa israeliano e la Marina israeliana. La nuova classe di sottomarini fornirà a Israele le capacità più avanzate, basate su una tecnologia innovativa e all’avanguardia.

Questo accordo dimostra il profondo impegno di thyssenkrupp Marine Systems per garantire la sicurezza a lungo termine di Israele. È stato firmato dopo un approfondito ed ampio processo di preparazione e vorrei ringraziare i nostri partner del Ministero della Difesa e della Marina israeliana per il loro impegno e professionalità“.

La classe Dakar avrà un design completamente nuovo, che deve essere specificamente progettato per soddisfare i requisiti operativi della Marina israeliana. I tre sottomarini sostituiranno il primo lotto di sottomarini di classe Dolphin.

Dr Rolf Wirtz: Nell’ultimo progetto congiunto con la Marina israeliana, il progetto SA’AR-6, abbiamo consegnato quattro corvette nei tempi e nei limiti del budget. A questo proposito, non vediamo l’ora di lavorare di nuovo con il nostro partner di lunga data“.

Prima che il contratto entri in vigore, Thyssenkrupp Marine Systems dovrà tenere colloqui intensi con i suoi fornitori.

In preparazione all’ordine previsto, Thyssenkrupp aveva già concordato investimenti per circa 250 milioni di euro per Thyssenkrupp Marine Systems nel 2019. Kiel si assicura così la sua posizione come centro internazionale di competenza per la costruzione di sottomarini convenzionali. Nel cantiere navale è già visibile la costruzione di un nuovo capannone di costruzione navale e di un impianto di produzione di celle a combustibile.

L’accordo per la realizzazione dei tre nuovi SSK classe Dakar dovrebbe avere un valore di circa 3 miliardi di euro ed il primo dei nuovi battelli dovrebbe essere consegnato entro nove anni.

In base all’accordo in vigore dal 2017 tra Israele e la Germania, Berlino si farà carico di 1/3 delle spese del programma.

Il contratto contempla anche la fornitura di parti di ricambio, supporto tecnico/logistico e di un simulatore per l’addestramento dei futuri equipaggi che sarà allestito in Israele.

L’accordo prevede che Thyssenkrupp Marine Systems effettuerà acquisti in Israele per 850 milioni di euro.

I nuovi battelli diesel-elettrici, dotati di sistemi di propulsione indipendente dall’aria, secondo il Ministro della Difesa d’Israele Benny Gantz, dovranno migliorare le capacità operative della Marina Israeliana e contribuire alla superiorità della sicurezza di Israele nella regione.

Per il Primo Ministro Naftali Bennett l’acquisto dei sottomarini Dolphin garantirà la continuità della capacità operativa e la superiorità strategica israeliana anche in futuro.

Fonte ed immagine Thyssenkrupp Marine Systems

FONTE:Logo osservatoriodifesa

Ti piace l'articolo? Condividilo

Facebook Twitter

Non arrenderti mai amico mio, impare a cercare sempre il sole, anche quando sembra che venga la  tempesta ... e lotta!

Mi trovate anche nei Social

Disclaimer

Si dichiara, ai sensi della legge del 7 Marzo 2001 n. 62 che questo sito non rientra nella categoria di "Informazione periodica" in quanto viene aggiornato ad intervalli non regolari. Le immagini dei collaboratori detentori del Copyright © sono riproducibili solo dietro specifica autorizzazione. Il contenuto del sito, comprensivo di testi e immagini, eccetto dove espressamente specificato, è protetto da Copyright © e non può essere riprodotto e diffuso tramite nessun mezzo elettronico o cartaceo senza esplicita autorizzazione scritta da parte dello staff di ”Il Mare nel cuore”
Copyright © All Right Reserve

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.