Come la Marina Militare vuole introdurre i droni nel proprio equipaggiamento

Grazie all’utilizzo di questi sistemi, ha detto il comandante Ghezzi, “possiamo cambiare e rimodellare il panorama della sicurezza marittima”

usv nomad

Di 

Il  Comandante Mauro Ghezzi – Capo Sezione Interfaccia Unità Navali dell’Ufficio Studi e Nuovi Programmi, all’interno del Dipartimento Aviazione Navale dello Stato Maggiore della Marina Italiana Ha dato un’idea di come la Marina Militare Italiana intenda procedere con l’integrazione dei droni nella propria attivitàGrazie all’utilizzo di questi sistemi, ha detto il comandante Ghezzi, “possiamo cambiare e rimodellare il panorama della sicurezza marittima”.

In questo caso, i sistemi senza equipaggio presentano sia opportunità che sfide. Nel primo caso, gli UAS, i droni aeronautuci,  possono contribuire a migliorare la capacità di rilevamento e risposta alle minacce, consentendo un’azione proattiva, tempestiva e flessibile in un dominio marittimo in rapida evoluzione, ha affermato il comandante Ghezzi. In quest’ultimo contesto, ha ricordato la crisi navale del Mar Rosso, in cui i ribelli Ansar Allah (Houthi) con sede nello Yemen stanno utilizzando UAS e navi di superficie senza equipaggio (USV) per attaccare le navi commerciali e navali nel corridoio Mar Rosso/Bab-al-Mandeb/Golfo di Aden.

Per quanto riguarda la realizzazione di un proprio sistema senza equipaggio, la Marina Militare sta procedendo con la prima fase di una tabella di marcia in tre fasi.

 Una prima fase che si concretizza con l’impiego dell’UAS ad ala fissa Boeing Insitu ScanEagle a bordo della flottiglia di fregate della Marina italiana. Nel novembre 2023 è stato effettuato il primo volo dalla fregata FREMM ITS Carlo Bergamini, per fornire una capacità iniziale. ScanEagle è gestito da una stazione di controllo a terra (GCS) imbarcata: l’integrazione del GCS nel più ampio sistema di gestione del combattimento (CMS) della nave fa parte dei piani di sviluppo delle capacità future. Lanciato tramite catapulta e recuperato tramite un meccanismo di aggancio, ScanEagle fornisce capacità di intelligence, sorveglianza e ricognizione (ISR) in linea di vista fino a 50 miglia con un tempo di volo di 17 ore. I piani attuali della Marina prevedono l’impiego di ScanEagle su almeno il 50% della flotta di fregate e forse, a tempo debito, anche a bordo della flottiglia di cacciatorpediniere. La Fase Uno prevede anche l’esplorazione e lo sviluppo di una capacità UAS ad ala rotante (RUAS). La Marina è nelle prime fasi di questo programma, che prevede l’acquisto di RUAS tattici Leonardo AWHero e di una capacità di controllo progettata per l’integrazione del CMS. Le prove in mare sono previste per la fine del 2024 o il 2025, ha dichiarato il comandante Ghezzi. L’AWHero è un drone pesante a decollo e atterraggio verticale (VTOL) che offre una serie di opzioni di carico utile, tra cui radar, misure di supporto elettronico (ESM) e comunicazioni/relè di dati.

scaneagle

ScanEagle

 

  • Per la Fase Due, ha spiegato il comandante Ghezzi, la Marina sta cercando “UAS che possano decollare e atterrare verticalmente, ma con un’elica che spinga in avanti per cambiare il profilo verticale in orizzontale”. Tali sistemi offrono in prospettiva un ingombro ridotto a bordo della nave. “Non abbiamo ancora un candidato: stiamo cercando una soluzione”, ha dichiarato il comandante Ghezzi. Un primo sistema candidato dovrebbe essere certificato nel 2025, prima di iniziare l’integrazione e i test a bordo. Lo sviluppo della capacità VTOL UAS da parte della Marina include la valutazione di altre due classi di UAS, ha spiegato il comandante Ghezzi. La prima è quella di un UAS che pesa 50-100 kg ed è in grado di fornire capacità ISR (ricognizione e intelligence) ed elettro-ottiche (EO); la seconda è quella di un UAS più leggero, che pesa fino a 12 kg e ha una durata di cinque ore. Secondo il comandante Ghezzi, la Marina non ha ancora deciso quali sistemi candidare, anche se in entrambi i casi l’attenzione è rivolta a sistemi con un ingombro a bordo ridotto. Oltre a valutare i sistemi UAS italiani, la Marina sta prendendo in considerazione i candidati internazionali. Nel novembre 2023, la Marina ha assistito alla prova della Royal Navy britannica (RN) di un sistema aereo a pilotaggio remoto (RPAS) General Atomics MQ-9B Mojave a decollo/atterraggio corto a bordo della portaerei RN HMS Prince of Wales. L’interesse della Marina Militare per il sistema comprende la capacità di fornire un sistema di allarme aereo (AEW). “Potrebbe essere una soluzione molto valida che non solo ci darebbe la capacità di [condurre] la missione AEW, ma potremmo iniziare a parlare di munizioni per il loitering, di capacità cinetiche”, ha detto il comandante Ghezzi. “Seguiremo quindi questo sviluppo”.
  • La Fase Tre, un processo di valutazione a lungo termine che dovrebbe iniziare nel 2029-30, prevede la costruzione di navi progettate per operazioni integrate senza equipaggio, ha spiegato il comandante Ghezzi. “Sposteremo progressivamente il nostro centro di gravità da un sistema navale… a un sistema di combattimento. Quindi, ci saranno una nave e un drone come sistema di combattimento”, ha continuato. “Le future navi della nostra visione navale avranno un sistema di gestione senza equipaggio, che sarà in grado di comandare e gestire risorse aeree senza equipaggio, risorse di superficie senza equipaggio e persino risorse subacquee senza equipaggio”.

In tutte e tre le fasi, la Marina affronterà le principali sfide di integrazione, tra cui l’integrazione delle operazioni di navi e UAS (in particolare per fornire comando e controllo in tempo reale e scambio di dati)e le operazioni di UAS ed elicotteri con equipaggio. Oltre a schierare gli UAS a bordo delle fregate e dei cacciatorpediniere, la Marina aspira a disporre di tali capacità anche per il Pattugliatore Polivalente d’Altura (PPA) e per le portaerei.

FONTE: SCENARI ECONOMICI

Ti piace l'articolo? Condividilo

Facebook Twitter

Non arrenderti mai amico mio, impare a cercare sempre il sole, anche quando sembra che venga la  tempesta ... e lotta!

Mi trovate anche nei Social

Disclaimer

Si dichiara, ai sensi della legge del 7 Marzo 2001 n. 62 che questo sito non rientra nella categoria di "Informazione periodica" in quanto viene aggiornato ad intervalli non regolari. Le immagini dei collaboratori detentori del Copyright © sono riproducibili solo dietro specifica autorizzazione. Il contenuto del sito, comprensivo di testi e immagini, eccetto dove espressamente specificato, è protetto da Copyright © e non può essere riprodotto e diffuso tramite nessun mezzo elettronico o cartaceo senza esplicita autorizzazione scritta da parte dello staff di ”Il Mare nel cuore”
Copyright © All Right Reserve

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.