itenfrderorues

Caspita che Murata

Caspita che murata

Vittorio Veneto C550

 

Un nuovo articolo/aneddoto pubblicato dall'amico Dario Bilotti sul mensile "Marinai d'Italia" organo ufficiale dell'ANMI

 

800px Crest 550Caspita che murata. Ma guarda un po', il barcarizzo è sul lato sinistro. Ero abituato a salire da poppa. E' grande la nave, direi enorme, chissà se riuscirò ad abituarmi alle sue dimensioni.
Tutto questo mentre mi avvio lungo il pennello per imboccare il barcarizzo. Salita la lunga scaletta che conduce al corpo di guardia della nave e consegnati i documenti posso finalmente posare per terra gli zaini. Il Capoguardia marca sul giornale di chiesuola " Visto imbarcare Sc EM/RDT/ST Bilotti Dario matr. 68V0916T", poi chiama il piantone e mi fa accompagnare in tutti i locali di bordo (segreterie, casermaggio, quadrato, luogo di lavoro ecc.) necessari ad espletare le pratiche per un nuovo membro dell’equipaggio. Il giovane aspetta pazientemente fuori dalla segreteria reparto quindi mi accompagna su, in quella che sarà la mia ADT (Apparecchiatura per la Direzione del Tiro) Giro il volano e mi trovo davanti Vincenzo che stupito mi saluta con il classico "ciao Frà non sapevo che ti avessero destinato qui, vieni che ti presento tutti". Veneto impetuoso margottini
Così iniziò una nuova avventura, sul Veneto, vanto della nostra cantieristica. Lungo i corridoi che erano praticamente dei salotti tirati a lucido, ogni particolare destava ammirazione, tutti gli spazi erano dilatati e nuovamente la paura di trovarmi spaesato davanti a cotanta bellezza mi metteva apprensione. Ma la vicinanza dei “Fra di corso” fu la giusta medicina per quietarla. Fortunato nel ritrovare le stesse apparecchiature delCarabiniere non rimase altro che impadronirmi del mio mondo. E venni a conoscenza di grandi personaggi per la loro storia pregressa: il Comandante che durante il secondo conflitto mondiale era al comando di una Unità Navale, Ufficiali dalle grandi capacità che mostravano già la predisposizione alla grande levatura oppure altri che celavano sotto la loro bonarietà una grande capacità nei rapporti umani verso i sottoposti con la giusta dose di attitudine al comando, come sottufficiali di grande esperienza con grande carisma. La promozione fu un qualcosa in più, senza che questo comunque variasse il mio carattere. Ma mare e ancora mare era ciò che desideravo per dimenticare momentaneamente l'amore lasciato a Torino. Navigazioni con relative soste in porti italiani come Venezia, Genova, Messina, Napoli, Trieste, Augusta e Gaeta ed esteri come Tunisi, Valencia, Cartagena, Tolone. Franchigie in posti che probabilmente non avrei mai visitato altrimenti. Esercitazioni mirate e belle soddisfazioni per aver ottenuto ottimi risultati. Non amavo Taranto, ma poco alla volta imparai a discernere tra le presunte cattiverie della popolazione dettate da una non sempre buona condotta dei Marinai che li erano destinati e il bello che la città offriva. E il risultato fu che mi adattai alla situazione e cercai di gestire felicemente la mia vita. Le soste alla base in Mar Piccolo non furono mai lunghe e in fin dei conti ciò che desideravo era solo continuare a navigare. Capitò di incontrare per mare il mio primo amore, ilCarabiniere; continuavo a vederlo con grande affetto, sì, anche con nostalgia, ma una frase di mio padre rimastami in mente recitava così: Al Marinaio è concesso il ricordo, non il rimpianto. Guardare sempre a prora, mai volger lo sguardo a poppa. 
La accettai come un dogma.Elettroniche Vittorio Veneto 1969 1980
Fu inattesa, come sempre, la crociera in Sud America. Sarei transitato nuovamente nelle acque di Gibilterra e questa volta, diretto a ovest, avrei attraversato l'Atlantico. Nuove emozionanti visite e conoscenze di altri popoli molto più simili al nostro. Emozioni nel ritrovare comunità di Italiani che con le lacrime agli occhi rimembravano il paese natio; emozioni nel vedere meravigliosa natura; commozione nel apprendere anche le bruttezze di quel mondo, tanto da farmi ammettere che il mio Paese era sempre il più bello. Ma il ritorno in Patria mi smosse nuovamente dall'intimo la solita domanda: " quando ripartiremo?" Ormai abituato alla nuova casa, ai compagni, all'onore che mi sentivo addosso facendo parte dell'equipaggio della Nave Ammiraglia della Squadra Navale, cominciai a pensare ancora più profondamente al futuro. L'acquisizione del vestiario da Sottufficiale non fu altro che un riconoscimento della carriera, ma neppure questo cambiò il mio modo di rapportarmi con i compagni. Una domanda mi assaliva sempre più spesso: sarei stato in grado di capire se la mia determinazione si fosse scontrata con le due anime di cui disponevo, cioè continuare a vivere una vita che mi dava tanta soddisfazione o mollare gli ormeggi per navigare verso un approdo borghese carico di incognite. Elettroniche Vittorio Veneto 1983 2006Era un bel dilemma. Cominciai ad accettare l'imbarco su quella prestigiosa Unità Navale perché comunque mi sentivo appagato, l'amicizia che si era creata travalicava ogni aspetto negativo e ciò mi permise di sopportare la lontananza da casa come fosse lo scotto da pagare per vivere la vita che mi ero scelto, essendo a conoscenza che non si ottiene nulla senza dover dare. Quando finalmente trovai la giusta collocazione del mio essere all'interno di quello splendido ingranaggio cominciai ad accettare Taranto come un “buon porto”. Ma un nuovo FOM (Foglio Ordini Ministeriali) mi ordinò di sbarcare. Unica nota positiva il fatto di tornare alla Spezia, più vicino quindi all'amore mai scordato. Ero ancora indeciso sul congedo e questo riavvicinamento, paradossalmente, mi avrebbe condizionato ancora più la vita? Addio Vittorio Veneto, o arrivederci. Chissà. Nave Impetuoso mi attendeva. Ma questa è un'altra storia. 

marinai dItalia

Dario viso Dario Bilotti socio della sezione ANMI di Carmagnola

 

 

FacebookTwitterRSS FeedPinterest Pin It

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.