itenfrderorues

Canapa, vele e marinai

Canapa, vele e marinai

Museo Civico Navale di Carmagnola

Pierangelo Manuele

Canapa, vele e marinai

Carmagnola e Piemonte tra terra e mare

Canapa vele

Edito a cura del Museo Civico Navale di Carmagnola (TO) con il contributo della Regione Piemonte e della Toro Assicurazioni, una vera chicca nel suo genere.
Dovizie di particolari descritte dall'autore, Pierangelo Manuele,  con l'inserimento di tantissime stampe e disegni d'epoca, frutto di una precisa e sapiente passione oltre che cultura marinara.
Da leggere tutto d'un fiato. Volume facente parte della mia collezione personale.
Per avere informazioni su eventuale acquisto o altro potete contattare il Direttore del Museo Civico Navale di Carmagnola, sig. Dario Bilotti alla mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Una nota sul Museo Civico Navale di Carmagnola

periscopio1

Il museo navale documenta la vita quotidiana in mare: la storia della Marina Italiana, le attività Navali dall'Unità d'Italia ad oggi, l’ambiente Marino e il modellismo navale. Il museo è inserito nella storia della cultura carmagnolese per l'antico legame con la lavorazione della corda. Il Museo Civico Navale è stato fondato per iniziativa del locale Gruppo dell’Associazione Nazionale Marinai d'Italia con lo scopo di avvicinare la gente al mare che tanta importanza ha per la vita del Paese e al tempo stesso per far conoscere la tradizione marittima del Piemonte.
Il Piemonte pur non essendo bagnato dal mare, ha dato e continua a dare un notevole contributo alla Marina italiana in termini di uomini e di materiali. Per quanto riguarda gli uomini, le famiglie nobili piemontesi hanno per secoli fornito valenti ufficiali alla Marina di Casa Savoia, basata inizialmente sul lago di Ginevra e poi dal 1388 nel porto di Villafranca presso Nizza e dopo il 1815 quando la Liguria fu unita al Regno di Sardegna la flotta aumentò notevolmente.
Per quanto riguarda i materiali a Carmagnola si coltivava la canapa, che poi, lavorata nelle piccole aziende artigiane del luogo, veniva trasformata in vele e cordame necessari ad allestire le manovre delle navi. Si stabilì così un naturale collegamento tra la campagna locale e la cantieristica navale della Riviera Ligure, ma anche della Francia e persino dell'Inghilterra. Gli operai delle tante industrie specializzate nel settore nautico erano quindi chiamati a prestare servizio in Marina, così rinsaldandosi quell'antico stretto rapporto di familiarità tra il Piemonte e il mare.

Per prenotarte una visita guidata inviate una mail al sig. Dario Bilotti  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Indirizzo: Piazza Mazzini 1

Telefono: 011 9721492

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Apertura: Aprile - ottobre: sabato e domenica dalle 15:00 alle 18:00
Seconda domenica del mese: 10:00-12:00 / 15:00-18:00
Luglio e agosto: chiuso

 

Ti piace l'articolo? Condividilo

Facebook TwitterPinterest

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.