itenfrderorues

Silvana De Angelis

Le donne-mare/Silvana De Angelis

Donne mare

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E poi ci sono loro, le donne mare.
E' facile riconoscerle: spesso vestite di blu, tengono i capelli sciolti come se soffiasse la brezza mattutina, alzano poco lo sguardo per non confondere il loro colore con quello del cielo, ma qualche volta lo abbracciano ed è in quel momento che si spostano verso l'orizzonte; e alla Luna (pluf!, guardatela: s'è buttata!) poi si confessano spesso, le si raggomitolano intorno e magari piangono, mentre parlano. Ditemi voi quando non piangono, le donne mare, ed hanno paura, quando piangono, paura di diventare troppo grandi, paura d'agitarsi troppo, paura che per questo i bambini dal bagnasciuga s'allontanino, e quei due innamorati non si schizzino più addosso la propria acqua, giocando per poi finire a fare l'amore, nel mare.
E per le donne mare, ogni onda è parte di loro, ogni onda è un bacio che va, un abbraccio che torna, parole raccolte sulla sabbia come conchiglie e messe al collo, intrecciate...nonostante tutto, intrecciate perché son belle, intrecciate chissà perché, intrecciate perché si sente il mare, persino da lì: è per loro sentirsi respirare, è dire "ci sono anche se fa male", "vado e torno, lasciatemi fare".
E sono le donne mare quelle non vogliono l'oceano, ad ognuno il proprio sale, le proprie lacrime, a-mare nel loro caso, quasi sempre.
E le donne mare lasciatele:
tre-mare, (mare,mare,mare)
consu-mare,
disar-mare,
cal-mare,
a-mare,
affer-mare,
mi-mare,
e col-mare: perché in fondo non sanno stare senza se stesse, ma rimangono sempre col mare.

Silvana De Angelis

FacebookTwitterRSS FeedPinterest Pin It

Ti piace l'articolo? Condividilo

Facebook TwitterPinterest

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.