BLUE WHALE, il drone subacqueo autonomo per la Marina Militare

Interessante articolo dal portale Rivista Italiana Difesa a cura di Michele Cosentino

BLUE WHALE 2

28/03/2024 | MICHELE COSENTINO

Al termine di un processo di valutazione improntato alla riservatezza, pochi giorni fa è stato reso noto che la Marina Militare entrerà a far parte della sparuta compagine di forze navali che hanno in dotazione mezzi subacquei autonomi di grandi dimensioni.

La decisione è il frutto della collaborazione fra Italia e Israele e ha portato alla scelta del BLUE WHALE, un mezzo denominato LDAUV (Large Dispalcement Autonomous Underwater Veihicle) in servizio da qualche anno con la Marina di Tel Aviv e che ha già partecipato ad almeno un’esercitazione in Mediterraneo condotta dalla NATO. Il 12 marzo 2024 è stata trasmessa al Parlamento la bozza di decreto ministeriale necessario appunto al potenziamento delle capacità della Marina Militare nei settori della sorveglianza, ricognizione e intelligenze nella dimensione subacquea e del contrasto antisommergibile a cura di un mezzo autonomo dispiegabile da unità navali e sottomarini, con elevate caratteristiche di modularità, autonomia e flessibilità d’impiego.

Oltre all'acquisizione di 3 LDAUV, il programma della Marina Militare - basato sulla cooperazione fra l’azienda israeliana ELTA System e diverse aziende italiane - prevede anche la fornitura del supporto logistico per i BLUE WHALE, la stazione di comando e controllo remoto e le sistemazioni di rilascio e recupero da unità e sottomarini: la cooperazione è stata denominata IIBW (Italian-Israelian BLUE WHALE) è rientra nel quadro di un Framework Arrangement e di un Memorandum of Understanding (MoU), concernete la cooperazione nel campo dei LDAUV firmato dei Segretariati della Difesa di Italia e Israele nel dicembre 2021.

Il BLUE WHALE, al cui sviluppo ha partecipato anche la Israel Aircraft Industries, ha una lunghezza di 10,9 m, un diametro di 1,12 m e un peso di 5,5 t; può operare a profondità massima di 300 m, ha una velocità media di 2-3 nodi e un’autonomia di 30 giorni. Il carico utile, di tipo modulare, è formato da una serie di sensori elettroacustici, elettro-ottici e radar (su un albero elevabile quando il battello è a pelo d’acqua) e sistemi di comunicazione: quando il BLUE WHALE è impegnato in operazioni di contrasto a unità subacquee, il mezzo opera in modalità bistatica con l'unità madre, utilizzando il proprio sensore passivo lineare rimorchiato.

Ulteriori dettagli su Risk&Strategy WEEKLY 12/24 in uscita venerdì 5 aprile.

FONTE: RIVISTA ITALIANA DIFESA

 

News Marina Militare,, BLUE WHALE, il drone subacqueo autonomo per la Marina Militare

  • Visite: 338

Ti piace l'articolo? Condividilo

Facebook Twitter

Non arrenderti mai amico mio, impare a cercare sempre il sole, anche quando sembra che venga la  tempesta ... e lotta!

Mi trovate anche nei Social

Disclaimer

Si dichiara, ai sensi della legge del 7 Marzo 2001 n. 62 che questo sito non rientra nella categoria di "Informazione periodica" in quanto viene aggiornato ad intervalli non regolari. Le immagini dei collaboratori detentori del Copyright © sono riproducibili solo dietro specifica autorizzazione. Il contenuto del sito, comprensivo di testi e immagini, eccetto dove espressamente specificato, è protetto da Copyright © e non può essere riprodotto e diffuso tramite nessun mezzo elettronico o cartaceo senza esplicita autorizzazione scritta da parte dello staff di ”Il Mare nel cuore”
Copyright © All Right Reserve

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.