itenfrderorues

Campagna d’istruzione 2017 in Nord America e Canada dell'Amerigo Vespucci

Marina Militare – Presentazione della Campagna D’istruzione 2017 In Nord America e Canada della Nave Scuola Amerigo Vespucci

Vespucci1

Segui le novità della #MarinaMilitare live su Twitter: @ItalianNavy #ProfessionistiDelMare

Venerdì 31 marzo, al termine della sosta lavori invernale, la nave scuola della Marina Militare Amerigo Vespuccisosterà nel porto di Civitavecchia dove sarà presentata la campagna d’istruzione 2017 in favore degli allievi della prima classe dell’Accademia Navale di Livorno.

Alla presentazione della campagna d’istruzione 2017 saranno presenti il Capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Claudio Graziano, il Capo di Stato Maggiore della Marina Militare, l’ammiraglio Valter Girardelli e il Comandante in Capo della Squadra Navale l’ammiraglio Donato Marzano.

L’Amerigo Vespucci sosterà in alcuni porti del Nord America e del Canada in un’area di non usuale gravitazione per la Marina Militare, dove avrà anche il compito di rappresentare l’Italia e il prestigio delle Forze Armate all’estero attraverso l’organizzazione di eventi culturali e di promozione in collaborazione con le rappresentanze diplomatiche nazionali nei Paesi ospitanti.

Le soste all’estero vedranno coinvolto l’equipaggio e gli allievi ufficiali in eventi particolari come le celebrazioni del 150° anniversario della Confederazione Canadese, la partecipazione alla Tall Ship Race e saranno anche occasione d’incontro con le comunità di italiani all’estero.

La campagna d’istruzione 2017 di nave Vespucci riflette una visione internazionale, europea e globale, che tratteggia questo inizio di millennio come “secolo blu”. Quello della “crescita blu” è considerato un fattore chiave su cui puntare per uno sviluppo sostenibile del nostro Paese in un contesto dove la marittimità rappresenta una risorsa fondamentale per la crescita commerciale, occupazionale e tecnologica.

Media partner: Rai Uno Linea Blu, Rai Italia, RTV San Marino, RTL 102.5, La Stampa e il Secolo XIX.

Venerdì 31 marzo si potrà seguire l’evento in diretta streaming dalle ore 11:00 sul canale Youtube della Marina Militare al seguente link: https://www.youtube.com/user/ItalianNavy.

Durante la sosta a Civitavecchia la nave sarà visitabile nei seguenti giorni e orari:

  • Venerdì 31 marzo   dalle 15 alle 17.30
  • Sabato 1 aprile        dalle 14.30 alle 17.30
  • Domenica 2 aprile  dalle 9 alle 12 e dalle 14.30 alle 18.30

Vespucci Vele

Approfondimenti:

La nave fu progettata, al pari della "gemella" Cristoforo Colombo, da Francesco Rotundi, ingegnere e tenente colonnello del Genio Navale, nonché direttore dei cantieri navali di Castellammare di Stabia.

Il 22 Febbraio 1931 (85 anni fa) a Castellammare di Stabia fu varata la nave Amerigo Vespucci, tutt`oggi in servizio per l`addestramento degli allievi ufficiali dell`Accademia di Livorno

Il Vespucci ha effettuato l’ammodernamento delle capacità operative di bordo e soprattutto l’adeguamento delle sistemazioni logistiche agli standard moderni e nella sostituzione dell’apparato propulsivo e di generazione elettrica, dotando l’Unità anche di una nuova elica e nuovi sistemi di piattaforma, più efficienti e rigorosamente orientati alla tutela dell’ambiente

L’importante attività di “ringiovanimento” (re-styling) del Vespucci, sotto il coordinamento della Direzione Lavori e Servizi, ed in particolare della Sezione Studi dell’Arsenale M.M. di La Spezia, in parte alla manodopera “in house” costituita dalle maestranze arsenalizie, con il contributo del personale di bordo

Dalla sua entrata in servizio la Nave ha svolto ogni anno attività addestrativa (ad eccezione del 1940, a causa degli eventi bellici, e degli anni 1964, 1973 e 1997, per lavori straordinari), principalmente a favore degli allievi dell'Accademia Navale, ma anche degli allievi del Collegio Navale, ora Scuola Navale Militare "Francesco Morosini"

Dal punto di vista tecnico-costruttivo l'Amerigo Vespucci è una Nave a Vela con motore; dal punto di vista dell'attrezzatura velica è "armata a Nave", quindi con tre alberi verticali, trinchetto, maestra e mezzana, dotati di pennoni e vele quadre, più il bompresso a prora, a tutti gli effetti un quarto albero. L'Unità è inoltre fornita di vele di taglio: i fiocchi, a prora, fra il bompresso e il trinchetto, gli stralli, fra trinchetto e maestra e fra maestra e mezzana, e la randa, dotata di boma e picco, sulla mezzana. Tra le imprese leggendarie, quella dell`ammiraglio Agostino che risalì il Tamigi a vele spiegate fino a Londra, lasciando ammirati gli Inglesi.

L’equipaggio è composto da circa 270 militari tra uomini e donne. Nel periodo estivo, la nave imbarca gli allievi dell`Accademia Navale per la consueta Campagna di Istruzione, con circa 100 allievi ed un team di supporto di una trentina di militari, arrivando così a pieno regime con oltre 400 persone a bordo.

FONTE: Logo Press Mare

Intervento militare turco in Iraq reputato illegittimo

(di Giuseppe Paccione)
14/03/17

140317 turchiÈ ben noto il ruolo importante che ha la Turchia nello scacchiere mediorientale, soprattutto in due ampi territori come quello della Siria e dell’Iraq, uscendo soventemente dall’ottica giuridica e politica. Difatti, proprio pochi mesi fa, cioè a dire nell’ottobre del 2016, le autorità governative di Ankara avevano dispiegato le proprie truppe militari nella cittadina irachena di Bashiqa, a 12 km nord-est dalla città di Mosul, sotto il controllo del gruppo terroristico che ha creato nel giugno 2014 lo Stato islamico o DAESH. Oggi, questa città è stata quasi liberata dalle forze militari irachene. Non sono mancate accese e pesanti proteste del governo iracheno che richiamava il governo turco a ritirare il suo esercito dal territorio dell’Iraq. Ora, è d’uopo comprendere se l’intervento dello Stato turco nel nord dell’Iraq rientri nella fattispecie del fondamento giuridico, cioè a dire se esso sia stato rispettoso del criterio della liceità circa il suo intervento in un altro Stato senza l’assenso di quest’ultimo.

Innanzitutto, andrebbe notato che, sebbene ci siano state gravi violazioni dei diritti dell’uomo durante la guerra civile in Iraq, de iure ogni motivazione non può essere accolta come giustificazione a favore degli interventi e violazioni della sovranità e integrità territoriale di uno Stato. Da ciò, l’intervento militare turco nel territorio iracheno è reputato come una vera e propria violazione del principio del rispetto che si deve all’integrità del territorio e all’indipendenza politica di ogni Stato, che comprende persino l’inviolabilità del territorio dello Stato stesso.

Leggi tutto

Le stellette dimenticate, nel silenzio!

libro bianco

Il personale con le stellette, cioè i nostri militari preposti alla Difesa ed alla Sicurezza, non stanno vivendo un periodo particolarmente felice e motivante per le incertezze insite nell’incombente trasformazione, per la scarsa considerazione dei loro problemi, ma anche per il loro opinabile impiego “duale” che li vede sempre più svestiti delle stellette e presenti su fronti poco appropriati al loro status di professionisti.

Ed è quindi sempre più evanescente il significato araldico delle stellette a cinque punte che caratterizza in modo esclusivo, nobile ed onorevole, il militare in quanto tale, con il più alto richiamo e simbolo patrio italiano: la Stella d’Italia. Che, con i suoi poliedrici significati di luce, guida e distinzione, anche a prescindere da quelli antichi attribuiti al Pentagramma da Pitagora, fino alla sezione aurea dei dipinti di Leonardo, è da considerare un ideale di perfezione e di Stato: molti di quei significati si sono sbiaditi ed il morale del personale, elemento cardine della tenuta stessa delle Forze Armate, non è oggi proprio alle stelle, per svariati motivi. Eppure è ben noto che qualunque organizzazione, azienda o struttura gerarchica ha buone performances, non esclusivamente in ragione della leadership dei Capi, ma principalmente se ha del personale professionale, motivato, ben guidato, trattato con equità, e tutelato.

Leggi tutto

FacebookTwitterRSS Feed
Pin It

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.